Il bicchiere della staffa

Salutarsi bevendo il bicchiere della staffa

 

Il bicchiere della staffa è un modo di dire usato da tiratardi o da chi non vuole salutare i propri amici per prolungare la serata con l’ultimo bicchiere.

Questo modo di dire sembra esser nato quando erano ancora in voga i cavalli come mezzo di locomozione e i signori o i benestanti frequentavo le locande.

 

Pare che a fine serata il locandiere uscisse con un bicchierino del miglior vino e lo offrisse al suo ospite mentre aveva già un piede sulla staffa, di qui il modo di dire il bicchiere della staffa.

Questa offerta aveva almeno un duplice scopo. Il primo era quello di essere generosi nei confronti degli ospiti importanti, un modo per gratificarli. Il secondo uno stratagemma commerciale, offrire il miglio vino, o uno dei migliori distillati, avrebbe lasciato nella mente e sulle papille gustative dell’ospite il ricordo che in quella specifica locanda si bevevano ottimi vini o distillati.

Una interessante possibile origine del modo di dire il bicchiere della staffa è proposta nel 1866: Racconti storici estratti dall’archivio criminale di Bologna ad illustrazione della storia patria per cura dl Ottavio Mazzoni Toselli, edito postumo.

Nel capitolo Della lingua Bolognese e della sua origine Celtica scopriamo: Altro antico costume gallico io penso sia quello del bicchiere della staffa. I Galli, secondo che scrivono gli storici adoravano Bacco perché erano molto bevitori. Verisimilmente da essi venne quell’uso che si pratica anche oggi ne’ nostri villaggi e campagne di offrire cioè un bicchiere di vino all’ospite che si congeda, il qual bicchiere di vino è detto il bicchiere della staffa.

Questa suggestiva ipotesi retrodata di molti secoli l’origine di questo modo di dire. Qualunque sia l’origine e la finalità per cui si offriva il bicchiere della staffa, quando siamo in buona compagnia non dimentichiamo mai di offrire un ultimo bicchiere. Facendo sempre attenzione che il nostro ospite non debba mettersi alla guida.

Firma Leo

Jan Vermeer, la Mezzana. Qui trovi il dipinto: https://skd-online-collection.skd.museum/Details/Index/415421

Immagine presa dalla rete

 

  Potrebbe interessarti: Compagnia della Cazzuola in Vasari

2019-10-09T14:39:39+01:00Ispirazioni|

Scrivi un commento