La Confrérie de Saint Etienne

In Francia una delle più antiche confraternite del vino: La Confrérie de Saint Etienne

La Confrérie de Saint Etienne è una delle più antiche Confraternite enogastronomiche di Francia, le sue origini risalgono al XIV secolo della nostra era. Ogni 26 dicembre, il giorno di Santo Stefano, la società dei notabili di Ammerschwihr, che aveva tra i suoi compiti quello di sorvegliare la qualità dei vini della città, si riuniva per una festa annuale vicino a Colmar, in Alsazia. La magnificenza della festa era tale che la società diventò presto famosa, e la popolazione cominciò a chiamarla la Confraternita di Santo Stefano, in francese Saint Etienne.

Le regole della confraternita, tuttora in uso, risalgono al 1561. Dopo la Rivoluzione francese la confrérie subì un lento declino e morì nel 1848, per poi risorgere nella forma attuale nel 1947, sotto la guida di un gruppo di viticoltori e amici dei vini d’Alsazia, guidato da Joseph Dreyer, il fondatore.

Dal 1973 ha sede nel castello di Kientzheim, vicino  Kaysersberg, che ha al suo interno un’enorme cantina dove sono conservate decine di migliaia di bottiglie, la famosa Enoteca della Fratellanza.

L’articolo 1 dello statuto della Confraternita di Saint Etienne recita:

«Nessuno può essere un confratello di Saint Etienne se non ama la gioia, il buon cibo e i vini dell’Alsazia. Tuttavia, l’ammissione sarà pronunciata solo sulla proposta motivata di un confratello debitamente autorizzato e previo accordo del Gran Consiglio. Egli sottoporrà anche il richiedente alle prove di ammissione sul vino».

 

(Sigillo della Confrérie de Saint Etienne)

I membri della confraternita sono divisi in gradi e ogni grado ha dei colori distintivi. Gli Apprendisti portano un nastro blu, i Compagni un nastro rosso ed i Maestri un nastro verde. Per passare da un grado al successivo è necessario superare delle prove e deve intercorrere almeno un anno dall’avvenuto ricevimento del grado precedente. La divisione in gradi all’interno di Confraternite o Corporazioni non è inusuale ed è una tradizione molto antica. Probabilmente la più conosciuta corporazione di mestiere divisa nei tre gradi di Apprendista Accettato, Compagno d’Arte e Maestro è la Massoneria. Sono stati creati dalla Confrérie de Saint Etienne dei gradi appositi per i professionisti del mondo vitivinicolo. I vignaioli con nastro oro e rosso ed i “siniscalchi” con nastro bianco e oro. In ultimo, il Gran Consiglio può selezionare delle persone al di fuori della Confraternita che si sono distinte per particolari meriti ed assegnare loro il titolo di Confratello/Consorella d’Onore. Questi avranno il nastro verde e rosso. 

Se ti è piaciuto questo articolo puoi farmelo sapere con un commento o una mail o semplicemente condividendolo.

P.S. Se ti interessano le Confraternite Enogastronomiche di Francia puoi dare uno sguardo qui per scoprire la confraternita dei Chevaliers de Saint Antoine.

A presto

Firma Leo

 Immagini prese dalla rete

2019-01-07T08:35:46+01:00I Custodi del Gusto|

Scrivi un commento