L’Urlo recensisce il Viaggio di Michele Leone

L’urlo: Viaggio tra le confraternite enogastronomiche d’Italia

L’Urlo con un articolo di Salvatore Massimo Fazio recensisce Viaggio tra le confraternite enogastronomiche d’Italia, ed Odoya.  Una recensione appassionante ed appassionata, da leggere tra il caffè e l’accensione della sigaretta, in quel tempo sospeso in cui si è presenti a se stessi nel momento del piacere. L’urlo così definisce l’autore del libro:

<< Autore ardito e libro innovativo, che proietta e riprende la bellezza di una Italia da percorrere in moto per “scoprire se stesso e storie dimenticate”.>>

e così continua:

<< Lo stupore e il mistero che riesce ad infondere, riaprono la voglia di riappropriarsi di una eredità italica, grazie alla certosina presentazione di un piatto.>>

Fermiamo le citazioni per non “spoilerare” troppo la recensione che puoi leggere cliccando qui.

 

Dell’autore della recensione Salvatore Massimo Fazio, scorrendo la pagina sino in fondo scopriamo che: Di lui sappiamo che è contro il bigottismo sociale “è mafia pura” e che decide di vivere la socialità solo per lavoro, o rare volte al bar da Enzo quando torna a Catania. Nel 2016 col saggio “Regressione suicida”, non inganni il titolo, è un invito a ripercorrere tutte le tappe della vita sino a risorgere nella veste indipendente, senza pendere dal pensiero (e da) alcuno, desta polemiche. Si ritira anche dalle direzioni artistiche “[…] non dimenticatevi che sono anche un operatore sociale e un tutto fare”. Ha dichiarato difficoltà e malessere nell’aderire alle filosofie dei due outsider che ha approfondito per circa 16 anni, Emil Cioran e Manlio Sgalambro, dei quali estese la propria tesi di laurea: “C’è un motivo per il quale non posso dichiararmi filosofo, né studioso di filosofia, nonostante la stampa continua a farlo e io continui a smentirlo”.

Un grazie a Salvatore Massimo Fazio e a L’Urlo per questa recensione. A presto con altre succulente novità.

Ora torno in Cucina

Firma Leo

2019-06-05T14:27:54+01:00Diario, Libri|

Scrivi un commento